Cerca
  • Enrico di Noia

GOLPE! Il nuovo progetto senza volto che ci farà cantare

“GOLPE! non è un volto, GOLPE! è musica’’ GOLPE! Urlato. Forte. Questo è di fatto il modo in cui il singolo ‘’L’ultimo dei miei cani’’ per Molto Forte (Sony music Italy) è entrato sulla scena musicale italiana lo scorso 6 novembre, raggiungendo immediatamente alcune delle playlist più seguite d’Italia e passaggi nelle migliori radio come RAI radio 1.

Oggi è qui su OltreSuono per concederci un’intervista, quindi comincio dandoti il benvenuto e ringraziandoti per aver accettato il nostro invito!


GOLPE!: Grazie a voi.

Con GOLPE! si rompono alcuni degli schemi della presentazione di un nuovo artista: non uno ma tanti volti, nulla di riconoscibile se non un sound già caratterizzante, un pop italiano che vuole essere urlato a squarciagola. Un velo di mistero al quale una definizione forse solo tu puoi dare, allora, chi è GOLPE!?

GOLPE! è un collettivo di musicisti che vuole dare la precedenza alla musica, invece che all'immagine. Non c'è un mistero da nascondere. Solo un diverso modo di comunicare.

Sonorità che richiamano gli anni ’80, fa caldissimo sia a Milano che a Londra e ci si lancia in un pensiero macchiato di malinconia. Questo è l’impatto che può dare ‘’L’ultimo dei miei cani’’, da dove nasce questo brano, cosa racconta?

Questa canzone è una ferita sentimentale ancora aperta, da cui fuoriescono delle parole. Racconta la necessità di scriverle e di suonarle.

La tua immagine non è pubblica, GOLPE! come abbiamo già detto non ha un volto e non sembra aver intenzione di delinearne uno: c’è un motivo dietro questa scelta? Quanto è importante a parer tuo la figura, l’apparenza dell’artista, nel mercato musicale di oggi?

Sì, il motivo è appunto quello di non legare necessariamente il suono ad un volto, ma di dare un volto nuovo ad ogni suono.

Non conosco molto bene le regole del mercato musicale di oggi, però ammetto che le diverse esperienze avute nel mondo discografico sono state fino ad ora poco incoraggianti. La negazione dell'apparenza è un atto di resistenza a certe logiche di mercato, quelle che vincolano la comunicazione della musica all’immagine dell’artista. Per il primo singolo “L’ultimo dei miei cani” abbiamo scelto di mostrare immagini capaci di rappresentare l’identità di GOLPE!, raccontando anche i rapporti umani, i sentimenti, i gusti artistici che definiscono il progetto.

Non siamo soliti parlare di videoclip, tipicamente ci concentriamo sulla musica di un’artista, ma questa volta una menzione è davvero meritata: un vecchietto-bambino, vestito d’oro e cappello con visiera, che gira in un luna park con mille luci e colori. Da dove nasce questa idea?

L'idea ci è venuta dopo aver conosciuto Efrem, il vecchietto del video. Nel suo viso si poteva leggere ogni giorno della sua vita. E in effetti ci è sembrato che le sue espressioni valessero molto di più della performance di un attore professionista. Abbiamo girato questo video, perchè volevamo mettere davanti a una telecamera una storia di umanità fuori dagli schemi, una vita di eccessi, errori, motociclette, problemi di salute, separazioni e sorrisi di chi ha morso la vita fino a perdere i denti... Nei suoi occhi ci è sembrato che ci fosse scritto tutto questo. Ora Efrem non c'è più ed è a lui che vogliamo dedicare questa prima uscita.

Alcuni pensano tu sia Calcutta inserito in un collettivo, noi no, ovviamente, forse... ma tralasciando questo, è di influenze che si voleva parlare: in questo brano non è facile ritrovare sonorità già sentite, c’è molto nuovo e un’unione dell’attuale indie/pop con un dance un po’ dimenticato. Ci interessa quindi chi ha formato il tuo bagaglio musicale e chi attualmente consiglieresti per un ascolto diverso dal solito?

Ho sentito un po’ di tutto e non è facile dare dei buoni consigli. Ho creato una playlist su Spotify che si chiama 128 kb/s. Forse lì trovi una risposta alla tua domanda.

Concludo ringraziandoti ancora per la tua presenza e ti lascio con una domanda di prassi, spinta più che mai dal sincero interesse che hai suscitato: quando ascolteremo ancora GOLPE! e quali progetti ci sono nel suo futuro?

Il progetto per il futuro è quello di mettere un piede davanti all'altro, canzone dopo canzone, cercando di raccontare altre storie e di emozionare ancora, sia nel bene che nel male.

0 commenti